recanati

curiosità,monumenti

Vacanze nelle Marche: le bellezze di Recanati

22 Apr , 2016  

La città di Recanati è legata, ovviamente, al nome di Giacomo Leopardi: chiunque abbia in progetto di regalarsi delle vacanze nelle Marche da queste parti non può fare a meno di lasciarsi affascinare dal prestigio e dalla grandezza del poeta italiano. Lo dimostra il Museo Casa Leopardi, a Palazzo Leopardi: si tratta della casa in cui nacque l’autore dell’Infinito e che, per altro, ancora oggi ospita i suoi discendenti. Nessun problema per i turisti, comunque, perché la struttura è aperta al pubblico: ed è un grande privilegio, visto che la sua biblioteca comprende più di 20mila volumi raccolti da Monaldo, il padre di Giacomo, inclusi incunaboli e libri antichi. Palazzo Leopardi si affaccia su Piazzetta del Sabato del Villaggio, dove è situata la chiesa di Santa Maria in Montemorello, edificio religioso risalente al Cinquecento dove Leopardi venne battezzato.

A proposito di edifici religiosi, chiunque abbia il desiderio di concentrare le proprie vacanze nelle Marche sulla scoperta di chiese e cattedrali può far tappa a Recanati avendo la sicurezza di vedere gratificate le proprie esigenze: basti pensare alla Chiesa di San Francesco, risalente al XII secolo, o alla Concattedrale di San Flaviano, costruita un paio di secoli più tardi, che accoglie il sarcofago di Papa Gregorio XII ed è annessa alle ex Carceri e al Palazzo Vescovile. Molto affascinante, anche per chi non è credente, è la Chiesa di Santa Maria di Castelnuovo, la più antica della località, un tempo appartenuta ai benedettini di Fonte Avellana: vi si può ammirare, tra l’altro, una Madonna con bambino affrescata e attribuita a Pietro di Domenico da Montepulciano.

Insomma, le vacanze nelle Marche possono anche essere all’insegna della cultura: a Recanati c’è, per esempio, il Museo civico Villa Colloredo Mels, inaugurato alla fine degli anni ’90 del secolo scorso in seguito allo spostamento della Pinacoteca dal Palazzo Comunale. Il museo si sviluppa in quattro sezioni differenti: una medievale, una archeologica, una rinascimentale e una dedicata al XVII e al XVIII secolo. Di grande interesse è la parte archeologica, visto che consente di entrare in contatto con le comunità neolitiche locali, mentre nella sezione rinascimentale sono esposte il San Giacomo Maggiore, la Trasfigurazione, il Polittico e l’Annunciazione di Recanati di Lorenzo Lotto.

Ma Recanati è anche sede di numerosi eventi e manifestazioni culturali: è sufficiente pensare all’Electronic Music Festival Recanati per capire che la città di Leopardi non è solo ancorata al passato ma guarda anche al futuro, anche perché la kermesse va in scena proprio nella piazza intitolata al poeta. Da non perdere anche il festival di musica pop e folk Memorabilia, organizzato per ricordare Oliviero de Quintajé, cantante marchigiano, e la rassegna Botteghe Aperte, che nel giro di pochi anni è diventato un appuntamento fisso per tutti gli artigiani che possono, così, far conoscere i propri prodotti con laboratori e corsi di degustazione.


Comments are closed.