images

Uncategorized

Fascino e lusso del mar dei Caraibi nella Repubblica Domenicana

5 Mar , 2012  

 

Repubblica Domenicana, terra di bucanieri e di pirati, territorio selvaggio, con le sue foreste tropicali e l’acqua cristallina dei Caraibi. Al centro dell’isola si erge Santo Domingo, decadente e malinconica, con i suoi palazzi coloniali e le sue vie strette e fresche che portano direttamente al mare.

Uno spettacolo emozionante, dove la natura è incontaminata e l’uomo non è mai riuscito del tutto a conquistare questo territorio selvaggio e bellissimo. Il clima sempre caldo e i tiepidi venti elisei ne fanno una meta ideale per tutto l’anno

Arrivare su quest’isola è come sbarcare in un mondo estraneo. Non solo un nuovo modo di pensare, ma anche, e soprattutto, di vivere la vita. Una filosofia esistenziale che mette al primo posto la rilassatezza, la calma e l’allegria che la gente di questo luogo è in grado di trasmettere.

Vi troverete a ballare una morbida bachata sulla spiaggia al tramonto, sarete coinvolti in un ritmato merengue da qualche giovane ballerino del luogo. Lasciarsi trascinare dall’allegria e dall’esuberanza del luogo sembrerà spontaneo.

Perché qui nel Caraibe tutto è possibile. Una cena a base d’aragosta servita direttamente sul lungomare. Il crostaceo cotto sulla griglia, del buon vino bianco, il barlume delle candele e come sottofondo il rumore ritmato delle onde a farvi compagnia.

Una gita in yacht nelle grotte più belle dell’isola, le sue spiagge immacolate, la sua vegetazione lussureggiante. Basterà poco per sentirsi naufraghi di un isola sperduta, senza però perdere tutti i vantaggi della civiltà.

Un buon margarita ghiacciato servito direttamente in acqua, magari seguito da un vassoio di frutta locale: mango, cocco e ananas, appena tagliati.

Sarà facile lasciarsi conquistare dal calore e dalla bellezza di quest’isola, fra relax, sole e acque cristalline le giornate scivoleranno via, fino al giorno del rientro, quando tornerete a casa con una splendida abbronzature e con il sole nel cuore, quando magari, in Italia, sarà ancora pieno inverno.

Di Valentina Vanzini


Comments are closed.