alpine-466269_960_720

curiosità,geotravel,Romanticismo,Vacanze Benessere,vacanze di coppia,Vacanze in montagna

Alto Adige e Val Gardena due mete invernali irresistibili

3 Dec , 2015  

Spesso ciò che rende speciale un luogo è l’atmosfera che vi si respira, qualcosa di imprendibile eppure definito che deriva da chi questo luogo lo vive o lo ha vissuto in passato, una sorta di patrimonio di affetti e di esperienze che vi si sedimentano donandogli il proprio calore. Questo succede quando si visitano posti incantati come la Val Gardena e Alto Adige.

Chiunque trascorra un breve soggiorno o una vacanza presso l’Hotel Muchele a Postai, a pochi chilometri da Merano, ne avrà la conferma: la famiglia Ganthaler con estrema semplicità e sincera passione fa rivivere lo spirito del proprio antenato, il leggendario “Muchele” — “Michele”in altoatesino —,proprietario del maso tuttora situato dietro l’albergo fin dai primi anni dell’Ottocento, persona ospitale e nota per la sua generosità in tutta la Val d’Adige.

Oggi questa straordinaria tradizione dell’ospitalità continua in un contesto accogliente e dalla sobria eleganza, un albergo quattro stelle in cui ogni dettaglio è teso alla più completa soddisfazione della propria clientela. Sorprende la lunga piscina che collega l’interno con l’esterno della struttura, in cui trova spazio anche un nuovissimo centro benessere in cui prendersi cura di sé nel migliore dei modi — con sauna classica e biosauna alle erbe aromatiche, bagno turco con finestra panoramica, doccia agli aromi e zona relax —, e la possibilità di affittare la deliziosa “SPA Suite”, un vero e proprio paradiso wellness privato con idromassaggio per due, sauna classica, zona relax, doccia, frutta fresca, bottiglia di spumante e lume di candele.

In tutto questo può mancare il piacere della buona cucina: l’Hotel Muchele offre un’ottima soluzione a mezza pensione, con ricca prima colazione a base di freschissimi prodotti locali, e cena presso il ristorantino con caminetto,oppure presso la terrazza sotto il cielo stellato.


Comments are closed.